Francesca Legittimo, “Russia incatenata. Viaggio tra le prigioni della letteratura e della realtà”

14,99

Che cosa hanno in comune un’espressione usata da Putin durante un discorso ufficiale, un tatuaggio rappresentante una croce e molte pagine della letteratura russa? Sono “usciti” tutti dalle prigioni. Il carcere rappresenta un vero e proprio topos della letteratura russa, dal XVII secolo ai giorni nostri. Un topos poco studiato forse perché si tratta di un luogo che desta in tutti noi paura ed orrore. Questo libro intende essere un viaggio nelle prigioni russe della finzione letteraria e della realtà ed un’occasione per riflettere su questioni fondamentali quali la libertà, i rapporti interpersonali, il significato del concetto stesso di “colpa”, lo Spazio ed il Tempo.

 

Nata a Bolzano nel 1969, Francesca Legittimo si è laureata a Venezia in Lingue e Letterature straniere e ha proseguito gli studi a Mosca. Insegna lingua e letteratura russe allo IULM e alla SSML Carlo Bo di Milano. È coautrice di una serie di manuali di lingua russa e autrice di un saggio sulla cultura russa (La sfinge russa, Hoepli, 2020). Ha sempre cercato di capire la Russia partendo dalle parole, e così si è fermata a riflettere sul fatto che in russo prigione faccia rima con destino.

 

Collana Saggiamente

  • Editore: Intra (8 settembre 2023)
  • Lingua: Italiano
  • Copertina flessibile: 165 pagine
  • ISBN-13: 979-1259915719
  • Peso articolo: 240 g
  • Dimensioni: 12.7 x 1.07 x 20.32 cm
  • Prezzo: 14,99 euro (cartaceo)

 

RECENSIONI:

Michele Lupo per SoloLibri, 9 gennaio 2024

Come la prigione assottiglia il confine tra letteratura e realtà, in Andergraund, 31 gennaio 2024

 

ACQUISTA SU AMAZON:

 

Posizione nella classifica Bestseller di Amazon:

n.p.

 

ACQUISTA SUL NOSTRO SITO:

 

Svuota

Edizioni Intra

Intra Libri & ebook, tra Innovazione e Tradizione - Global readability, Italian charm.